La ragazza che amava i girasoli

La ragazza che amava i girasoli gli rimproverava  che il suo tempo fosse così distante, sapeva che mai avrebbero corso insieme contro il vento, eppure lo avrebbe seguito anche lungo la rotta della disillusione.

Che se ne faceva la ragazza dello studente che incontrava troppe volte, sul viale e che la salutava sporgendo sguardi di luce?   Neanche notava i suoi occhi ridenti.  La ragazza intrecciava pensieri, con leggerezza di piuma, solo per un cavaliere dall’armatura d’argento, al quale niente l’avvicinava,   lontano come l’aurora boreale : particelle cariche elettricamente – come lei quando lo vedeva –

Ma questo era indomito ardore,  era energia pura dei suoi dolci anni.    Sapeva un amore ma non riusciva a trovare un’anfora di cristallo  per custodirlo.  Eppure quell’uomo  che camminava da solo, mano in tasca, passo indolente, brividi assopiti aspirando l’amaro di una sigaretta,  lungo il viale silenzioso, in pomeriggi solitari di carezze, avrebbe dovuto ormai accorgersi che la ragazza stava diventando grande e che spesso sussurava : ” hasta la vista hombre ” perché stava, a poco a poco, svanendo il suo costante pensiero.

No, non lo avrebbe rinnegato mai anche se ora, sorridendo nella notte, accanto allo studente, aveva scoperto le stelle dell’Orsa Maggiore.   Ed è per questo che gli disse addio dalla stazione della primavera, era ormai giunto il tempo del grano in erba.

Un giorno la ragazza aveva saputo che presto lui si sarebbe sposato e chissà perché aveva pensato alla luce dei falò che scalda ma tutto fa apparire tremolante, eppure era felice, per lui, per lei, e sperava che la sua donna vestisse d’armonia, che fosse turbata dalle sue carezze e che amasse i girasoli.   Ma soprattutto avrebbe voluto che la sera attendesse il suo ritorno con gioia, la stessa gioia che albergava nel suo core  quando la voce calda dello studente, al telefono, pronunciava il suo nome o quando il suo capo premeva sul suo seno.

“Mon petit coeur  batti più piano e fai giungere un vino dolce e fresco agli sposi” pensava ,  ” Intanto io preparerò il mio abito e cercherò un fiocco di raso per i miei capelli,   non è molto lontano il mio tempo “.

Lauraluna

Informazioni su lauraluna

Non so ancora bene cosa voglio da questa vita, so che la vorrei diversa.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a La ragazza che amava i girasoli

  1. sherazade ha detto:

    Che generosità questa fanciulla ❣
    Sherabbraccicari

  2. lauraluna ha detto:

    Non si tratta di generosità ma di riconoscenza verso un uomo che non l’aveva mai illusa, pur conoscendo quella che, per lui, era solo l’infatuazione di una ragazzina.

  3. Transit ha detto:

    Un abbraccio e un bacio alla ragazza dei girasoli. E a quella di adesso.

  4. lauraluna ha detto:

    Grazie.
    Buona giornata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...