Tristezza

Ma quando all’ora del gabbiano tutto se ne va
e nel silenzio si addormenta il sole
ti prende in fondo una tristezza che non sai
che non sai da dove viene.

( Roberto Vecchioni )

Annunci

Informazioni su lauraluna

Non so ancora bene cosa voglio da questa vita, so che la vorrei diversa.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Tristezza

  1. sherazade ha detto:

    i gabbiani di Roma sono ormai stanziali e divenuti predatori pericolosi anche per gli attacchi alle persone…
    FUrono attirati dai rifiuti, dalla discarica di Malagrotta che è stata una fonte di cibo inesauribile. Solo che la discarica ora è chiusa e i gabbiani cercano cibo che ora trovano nei mucchi di rifiuti abbandonati ovunque perché ormai anche a Roma i cassonetti sono stracolmi vergognosamente e ritirati senza metodo.
    Sally ha molta paura ed abbaia forte quando nel pomeriggio i gabbiani volano quasi rasoterra ad altezza del giardino…

    Vecchioni è di Roma e vive a Roma e questo dimostra quanto la poesia sia distante dalla realtà che ci circonda.

    Sherannracciveri

  2. lauraluna ha detto:

    Roberto Vecchioni è nato a Carate Brianza da genitori napoletani e vive a Milano.
    Questi versi sono tratti dal suoi album “Rotary Club of Malinde” e, a modesto parer mio, hanno un loro perché.

    << Il disco:
    Per due anni Vecchioni non riesce più a ritrovarsi. Esce da una complessa operazione e sembra non voler più né cantare né scrivere come appunto descrive in “Momentaneamente lontano”. Poi,all’improvviso, ecco il viaggio in Africa, il Kenya, quell’atmosfera così diversa dall’occidente e quindi la riscoperta di rapporti più semplici, la rinata voglia di stare in mezzo ai suoi, l’impegno sociale per costruire una casa scuola per i bambini orfani. A poco a poco senza quasi accorgersene torna a suonare, a comporre, ma guardandosi dal fuori, senza assilli, senza paura. Su di una tettoia di Watamu, paese povero e decentrato vede un cartello che reclamizza il Rotary di Malindi: l’assurdità di quell’accostamento lo colpisce e decide di farlo, finalmente, un disco nuovo.
    “Rotary” non è e non vuole essere un disco sull’Africa, non ha la pretesa di affrontare temi politici e sociali e Vecchioni è chiaro fin dall’inizio: “Rotary” parla ancora e solo di me e di come l’Africa mi ha salvato, di questo avevo bisogno; di loro parlerò un’altra volta, quando sarò certo di non dire sciocchezze.”
    Si respira comunque la semplicità dei luoghi e degli affetti, si conosce un Vecchioni nuovo, quasi elementare, che qua e là torna a riappropriarsi della sua verve polemica (la provocatoria Marika) e della sua intensità viscerale in amore (e invece non finisce mai)" dal web

    Penso che i gabbiani a cui Vecchioni si riferisce, non siano quelli che vivono nelle nostre città, e che ormai conosciamo tutti come predatori pericolosi.
    Certamente non romantici, ma affamati e spesso anche violenti.
    Ben diversi da quelli che vivono in riva al mare e che deliziano con le loro acrobazie per " acciuffare il cibo ".

    Che significa "Sherannracciveri", scusa ma non riesco a decifrare

  3. lauraluna ha detto:

    In ogni caso Vecchioni non è un poeta ma un cantante che sa emozionare.

  4. vincenza63 ha detto:

    A me piace, per la sua onestà intellettuale e la coerenza.

  5. lauraluna ha detto:

    Anche a me piace molto, lo seguo da sempre. Grazie. ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...