Di SOFFIONI e di PAPAVERI

E’ la stagione dei soffioni e dei papaveri si sa.

Così diversi e così simili, come certe persone.

Fragili, flessuosi, invitanti, timidi, consapevoli,  pericolosamente esposti ai colpi di vento, o come oggi, flagellati dalla pioggia,

Guerriglieri indomiti.

RICOH IMAGING

Ricordano l’infanzia e la voglia di giocare.

Chi non ha mai soffiato per bene , con gioia ed anche speranza , su un soffione prendendo di striscio la luce del sole e facendo una nube di stelle?

Soffiavamo senza sapere che stavamo spandendo nel mondo i frutti, non i fiori, del generoso tarassaco.

Il piscialetto dei fiori gialli, quelli sì che sono fiori anche piuttosto insignificanti.

 

 

I papaveri  adorano i campi di grano ma ora sembrano preferire nascere nei marciapiedi sconnessi delle periferie, nelle massicciate delle ferrovie, nei muretti a secco degli orti non curati.

Ma che fascino e che emozione trasmettono nei campi, esili e svettanti, anche eleganti con i loro quattro petali leggeri come seta!

Non vanno raccolti, per non sciuparli, ma solo accarezzati con lo sguardo , come si fa con i neonati.

Mi ricordo di un lontano giorno di primavera , strafatta di giochi nei prati evitando di sfiorarli, con l’abilità che si ha solo da bambini.

Passato è quel tempo?

Forse.

O forse no, se mi  entusiasmano sempre i soffioni e i papaveri.

 

 

 

 

Annunci

Informazioni su lauraluna

Non so ancora bene cosa voglio da questa vita, so che la vorrei diversa.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

23 risposte a Di SOFFIONI e di PAPAVERI

  1. loredana ha detto:

    Soffioni… così fragili. È quella loro peculiarità che mi affascina, quel loro aspetto così simmetrico, quel loro colore argenteo. Ed in un soffio, sparisce tutto.

  2. Eroedelsilenzio ha detto:

    Nel terreno di casa mia, quando attende di essere arato, spuntano papaveri. Tanti. È sempre uno spettacolo bellissimo. I petali sono come di velluto rosso!

  3. Antonio ha detto:

    a me piacciono i papaveri per i loro colori…..

  4. sherazade ha detto:

    Adoro il rosso vivo dei papaveri tra il verde smeraldo della prima estate che la notte umida rende luminosa nei suoi colori e nei contrasti sgargianti.


    Sherabbraccicari

  5. lauraluna ha detto:

    Graditissimo il tuo video, è sempre bello sapere che qualcuno ti pensa, aldilà di ogni problema, di ogni giornata storta. ❤
    I papaveri hanno ispirato tanti pittori, ma , secondo me, nessuno supera , sia per la quantità, che per la qualità, le opere di Giacometti su questo fiore, sentinella dell'ineffabile.
    Grazie ancora,
    il mio pensiero affettuoso.

  6. newwhitebear ha detto:

    I soffioni e i papaveri sono due fiori fragili e delicati. Da guardare e non toccare. Quante volte l’abbiamo fatto vedendoli svanire sotto i nostri occhi.

  7. lauraluna ha detto:

    Buona serata

  8. Sarino ha detto:

    bella metafora sulla vita e la sua fragilità! ma è anche un dolce pensiero sulla vivacità e sulla forza intrinseca dello stelo, inteso come corpo, sostanza, peculiarità. Una bella riflessione Laura. Ciao

  9. lauraluna ha detto:

    Hai colto il mio pensiero e lo hai arricchito .
    Grazie, un abbraccio.

  10. Giusy Lorenzini ha detto:

    Che ricordi belli!. Da piccoli si soffiava sopra quel soffione e si doveva esprimere un desiderio, ma bisognava spazzare via tutto altrimenti non si avverava. Ciao, Giusy

  11. lauraluna ha detto:

    Già, su esprimeva un desiderio e si soffiava con forza, delusi se non si riusciva, ma pronti a provare con un altro soffione.
    L’innocenza accompagnava il nostro gioco.
    Adesso , al ricordo, affiora un sorriso e un po’ di nostalgia.
    Ah se bastasse soffiare ancora per sperare ……..!!!!!
    Grazie, ciao Giusy. .

  12. sherazade ha detto:

    Notte cara amica è un sereno buongiorno.
    Sheraconunabbraccio

  13. enricogarrou ha detto:

    Adoro i soffioni. Quei seni che volano in cielo! E i papaveri pieni di allegria fragili indifesi purtroppo distrutti dai diserbanti, ma ancora presenti a rallegrare il cuore. Si adoro anche io i soffioni e i papaveri. Un abbraccio

  14. lauraluna ha detto:

    La natura sa dipingere per noi sensazioni, miscelando colori, chiaroscuri e sfumature, ma l’uomo riesce a distruggere i fragili papaveri.
    Grazie, un caro saluto.

  15. vincenza63 ha detto:

    Amo i fiori di campo, sono il deposito della mia infanzia, che si rinnova ogni anno a primavera.
    Grazie del tuo bel post.
    Vicky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...