SOS ad un AMICO

fragileSOS ad un amico

Ecco,

la sera mi ritrova

in un silenzio fradicio

di deliranti pensieri

– gli amici sono così distanti! –

 Leggera è l’ombra che colora

i miei ricordi

ma Tu  difendi

come in quell’ultimo temporale d’estate

  ricordi?

– Cantavamo con le limpide stille di pioggia

un amore bambino –

Tu difendi

la nostra dolce barriera

i giorni di acerbi colori

i sogni sussurrati.

E questo è già molto per me

è tempo di gioia che ritorna

dentro un malumore di mediocrità.

Illumina

col tuo sorriso fresco e limpido

l’amarezza ricorrente

dimmi una sola parola che cada come una danza

sulla serenità che ieri ho perduto.

Prometto

non soffrirò più

e spezzerò quest’eco funesta

mi specchierò in te

e quieta sarò.

( Lauraluna )

Annunci

Informazioni su lauraluna

Non so ancora bene cosa voglio da questa vita, so che la vorrei diversa.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

14 risposte a SOS ad un AMICO

  1. newwhitebear ha detto:

    Una poesia carica di ricordi. Nostalgia e malinconia che tenti di fugare col pensiero di un amico

  2. Sarino ha detto:

    versi amari che tratteggiano ricordi e sofferenze, tutto ammantato da una lieve interiorità che ne decanta la tristezza. Un amore o un’amicizia che in qualche modo riemergono dal tempo sfidandolo in un duello di promesse e scommesse. In chiusa una sorta di rassegnazione delinea quasi un arrivo, come se la vita fosse in sospensione e in questa si dipanasse la sua accondiscendenza. Una lettura la mia che probabilmente non corrisponde al tuo pensiero eppure la sensazione di scoramento emerge chiara dalle parole ma se così non fosse ne sarei alquanto felice. Ciao, ti lascio un grande abbraccio

    • lauraluna ha detto:

      Nei momenti di tristezza cerco di dare un senso al dolore per non sentirmi perdente.
      Questo perché l’amore che c’è in non me lo permette.
      Le mie certezze, le mie verità, i miei punti di riferimento, che ho sempre costantemente cercato, mi aiutano a superare momenti di smarrimento.
      E una delle mie certezze è proprio “un amore bambino”, l’amore più “pulito” diventato poi vera amicizia, e che ieri ed ora, a distanza di anni, non mi delude mai e che sa offrirmi conforto.
      Effettivamente è un periodo, come scrivi tu, di scoramento.
      Succede.
      Ma credo che la vita , anche se è un groviglio di possibilità difficili da afferrare, recuperi sempre una fessura in cui infilarsi. Una delle punte i dell’esistenza umana è sempre questo ripiegarsi , ripensare, dispiacersi di cose che non sono avvenute, o non avvengono, come si voleva
      Ecco io mi difendo con la fantasia dell’infanzia, dell’adolescenza, e se questo può sembrare una resa, ti assicuro che non lo è, sono stanca, delusa, ma non doma

      Grazie Sarino, un sorriso,

      • Sarino ha detto:

        e io non posso che essere felice della tua forza. Una forza d’animo che già ho avuto modo di riconoscerti e di apprezzare. Nella tua risposta trovo le altezze emozionali idonee a sorvolare momenti come questi. Sorriso a te

  3. ombreflessuose ha detto:

    Cara Laura, sono Momenti in Penombra dell’ anima e il cuore
    Passato che torna; per non sentirsi soli

    Ti abbraccio ❤
    Mistral

    • lauraluna ha detto:

      Certe amicizie non ti fanno mai sentire sola,
      ed è un regalo enorme che ci offre questa vita sempre più complicata.
      Grazie Mistra,,
      buona settimana! 🙂

  4. Uomo ha detto:

    Dribblando la necessità di parlare
    fai una gimkana fra le parole
    attraverso un’impostazione quasi poetica ma…
    forse è necessario rompere i muri
    forzandoli a suon di pugni chiusi,
    forse è il tempo di urlare a squarciagola
    tant’è che già echeggia, assordante,
    quello che scrivi anche se non si ode
    neanche un filo di voce come se non ci fossi
    che mi chiedo, dove sei.

    L’amicizia storica ha i suoi vantaggi di affidabilità
    e tolleranza verso le debolezze e le incongruenze
    che sono considerate mere caratterstiche e non difetti.
    Di quei difetti invece siamo fatti,
    tratteggiano i lineamenti del nostro profilo
    ci definiscono nel mondo.
    La perfezione e l’impassibilità non ci interessano
    perché essere claudicanti e sanguinolenti
    fa di noi esseri diversi ed umani
    comprensivi e sobri,
    giusti per guardare dove è riscontrabile ciò che
    è veramente vero.

    Il tuo avviso del nuovo post invece a me è arrivato
    ho semplicemente ritardato la considerazione
    di questo tuo sfogo non impassibile.

    Buona Domenica Laura

    Uomo

  5. lauraluna ha detto:

    Se vogliamo chiamarlo sfogo e sfogo sia, non certamente poesia di cui sono infarciti i blog.
    Far poesia è diventata l’urgenza di tutti ma solo pochissimi ci riescono, in genere si tratta di tradurre le proprie emozioni e sensazioni in parole e quando si commenta, siamo , credo, tutti consapevoli di non avere a che fare con dei poeti ma con persone sensibili .
    In noi c’è un forte desiderio di conoscenza, intesa in questo caso come conoscenza delle persone, come desiderio di allargare l’orizzonte degli individui con cui interagiamo abitualmente.
    La società ipertecnologizzata di oggi e l’isolamento e l’individualismo cui ci ha portato la società dei consumi stanno facendo rinascere prepotentemente la voglia di relazionarsi, di condividere il nostro quotidiano con esperienze anche molto diverse dalle nostre, di esaltare l’importanza dei gesti di tutti i giorni facendoli assurgere anche a paradigma per chi ci segue al di là del computer.
    Certo, la possibilità di accedere ai vissuti più disparati avviene a scapito della quotidianità, ma può contribuisce non poco,, secondo me, ad arricchire il nostro mondo interiore.

    Grazie, un cordiale saluto,
    Laura

  6. Uomo ha detto:

    Grazie per la tua risposta, anche se non vedo risposte. Solo divagazioni. Ma accetto naturalmente e apprezzo ciò che hai scritto.
    Ci tenevo che tu sapessi quel che penso nel massimo rispetto di ciò che hai voluto scrivere.

    Un saluto domenicale!

    Uomo

  7. lauraluna ha detto:

    Può essere che il tuo commento mi abbia fatto riflettere sulla “gimkana fra le parole
    attraverso un’impostazione quasi poetica ” per cui io abbia sentito la necessità di spiegare che il mio scritto non è una poesia, poi forse mi sono lasciata prendere la mano da considerazioni circa l’inflazione di presunti poeti che circolano insistentemente..
    Comunque ci sono anche se a te non sembra, più consapevole ogni giorno che :
    “l’amicizia storica ha i suoi vantaggi di affidabilità”
    Mica è niente

    Grazie per l’apprezzamento, che è reciproco.
    Buona settimana.
    .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...