Viva il vino spumeggiante

vino bianco

CAREZZA   SEGRETA

Il vino fulgido sul palato indugiava inghiottito.

Pigiare nel tino grappoli d’uva

 Il calore del sole, ecco che cos’é.

 È come una carezza segreta

 che mi risveglia ricordi.

(James Joyce)

 

ODE  AL  VINO

Vino color del giorno, 
vino color della notte,
vino con piedi di porpora o sangue di topazio,
vino, stellato figlio della terra,
vino, liscio come una spada d’oro, morbido come un disordinato velluto,
vino inchiocciolato e sospeso, amoroso, marino,
non sei mai presente in una sola coppa, in un canto, in un uomo,
sei corale, gregario, e, quanto meno, scambievole.

(Pablo Neruda)

PARLA   IL   VINO

Aprite una bottiglia senza fretta,

 fatelo respirare, versatelo nel bicchiere

 e ammiratene il colore.

 Ci vedrete dentro i filari

 e la gente che lavora.

 Poi bevetelo, il primo sorso in silenzio

 e ad occhi chiusi:

 sarà lui a parlarvi.

(Bartolo Mascarello)

 

Annunci

Informazioni su lauraluna

Non so ancora bene cosa voglio da questa vita, so che la vorrei diversa.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Viva il vino spumeggiante

  1. 65luna ha detto:

    Bellissima! Concordo “Ode al Vino”! Buon we,65Luna

    • lauraluna ha detto:

      Il vino, croce e delizia fin dai tempi di Noè… il piacere di una bevuta è incomparabile…ma il passo al “dispiacere” può essere anch’esso incomparabile per tutte le logiche conseguenze…

      • 65luna ha detto:

        Concordo, infatti “bere con responsabilita’” non deve esseresolo un modo di dire…ma purtroppo il limite da pochi viene rispettato. Grazie del passaggio,65Luna

  2. Uomo ha detto:

    Mi hai fatto ricordare un episodio che non posso dimenticare quando con un mio nipote, figlio di mia sorella, eravamo a pranzo e c’era un bottiglione di vino salentino, e quindi nero che si attacca alla bottiglia… nessuno voleva bere e facevano tutti gli schizzinosi per cui dopo aver chiesto di assaggiare più volte ed avendo per il numero delle medesime volte ricevuto un …’grazie no!’, abbiamo ben pensato di colmare quella lacuna ed in un pranzo durato tre ore quel bottiglione ha finito per essere del tutto trasparente. Alla fine abbiamo avuto difficoltà ad alzarci dalla sedia ma senza perdere mai il controllo, nessuno si è accorto di nulla quando noi piano piano siano andati fuori a prendere un pò d’aria….. Aspetto di poter condividere alcune ottime bottiglie conservate per l’occasione della convivialità che verrà, perché nel vino e nella gradevole compagnia si potrebbe nascondere anche una bella serata!!

    Uomo

  3. lauraluna ha detto:

    Mi piacciono queste storie , sono genuine, come deve essere stato il vino salentino. Io gradisco molto il vino,, …….il nettare degli dei…se scelto con cura ..una gioia!
    Ovviamente lo bevo con moderazione,( soprattutto il vino pugliese che è ad alta gradazione alcolica). sorseggiando per gustarlo in pieno..
    Amo soprattutto quelli cosiddetti morbidi, in cui il tannino tipico dei rossi corposi e’ affievolito e regna la vinosita’.
    Cin cin Uomo! :

  4. ombreflessuose ha detto:

    Arriva così, col suo inconfondibile passo inebriante: Messère vino
    Porta allegria e qualche chiacchiera di troppo
    Prosit,carissima
    Mistral

  5. lauraluna ha detto:

    Quanti detti, aneddoti, poesie, racconti in cui il vino risulta protagonista, il vino ora esaltato, ora considerato un pericolo, un vizio ma pur sempre un collante per la socializzazione.
    Prosit mia Mistral.

  6. babajaga ha detto:

    sono nata in terra di vini importanti, dunque lo adoro.Mi permetto di aggiungere questi versi di Gaio Valerio Catullo

    “Ragazzo, se versi un vino vecchio
    riempine i calici del più amaro,
    come vuole Postumia, la nostra regina
    ubriaca più di un acino ubriaco.
    E l’acqua se ne vada dove le pare
    a rovinare il vino, lontano,
    fra gli astemi: questo è vino puro.”

  7. lauraluna ha detto:

    Certo che Catullo era un tipo niente male ed anche Postumia non scherzava.
    Un bicchiere di vino schietto a fine pranzo è un vero toccasana.
    Non conoscevo questa poesia, grazie!
    Prosit amica mia . 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...