fiordaliso

Abbiamo l’obbligo morale di essere responsabili delle nostre azioni

e anche delle nostre parole

e persino dei nostri silenzi.

( R. Bollano )

Annunci

Informazioni su lauraluna

Non so ancora bene cosa voglio da questa vita, so che la vorrei diversa.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

8 risposte a

  1. Uomo ha detto:

    Quelli più mistificati, non compresi, filtrati mediante il proprio vissuto e quanto abbiamo imparato, urlanti sino ad intaccarne le corde vocali sono proprio loro, i silenzi strenui ed eloquenti delle cose che non si dicono ma che contengono una forbita dialettica di fluida oratoria.
    Spesso, anche se non sempre, il mezzo migliore per dire ciò che risulta inadeguato per le parole pronunciate le quali risultano essere inufficienti per descrivere emozioni e sensazioni.
    Quando si tace, pur non essendolo, si passa per saggi. Ottimo strumento per apparire ostentando un contenuto inesistente ma proprio per questo, per la natura del silenzio e il suo prospetto apparente di consapevolezze, scelto come straordinario veicolo di comunicazione.
    Obbligo morale di assumersi la responsabilità delle parole e azioni che condivido pienamente, sta quasi alla passività come subendo per un rigore morale ciò che potrebbe essere considerato un peso ma che ritengo sia attivamente un desiderio che ti identifica in quello che hai detto, fatto, non pronunciato.
    Poi della necessità di parlare ed utilizzando le parole omettendo la loro assenza, esiste il tempo in cui il silenzio è soltanto silenzio e profondamente silenzioso nel tempo in cui è indispensabile che sia lui l’assente.

    Le parole ne generano altre.

    Uomo

  2. lauraluna ha detto:

    Nei rapporti interpersonali – sia cooperativi che conflittuali – il silenzio è una forma di discorso senza parole.
    E’ un significato senza messaggio esplicito. Costituisce quindi una particolare forma di potenza, come lo sono il linguaggio o, più in generale, ogni comunicazione,
    Se la parola segna il confine fra la comunicazione umana e quella animale, la consapevolezza del silenzio e del tempo scandisce il senso
    della natura, del sapere e della vita interiore.
    Ma quello che desideravo mettere in evidenza è la necessità di sapere fin dove arrivano le nostre
    azioni, le nostre parole e i nostri silenzi.
    Forse non ci pensiamo mai abbastanza ((io compresa) e questo genera fraintendimenti, a volte dolorosi, a volte di una leggerezza direi irresponsabile.

    Bel commento, soprattutto interessante e da rileggere.

    Grazie!

    Ps : Non ci capisco più niente con questa storia dei cookie, avendo io rinunciato ad essi, ora mi trovo in difficoltà a commentare vari amici che non l’hanno fatto, perché automaticamente, se commento queste persone, ribalto ciò che ho scelto. Ho capito male o è così!?

  3. Uomo ha detto:

    Probabilmente nessuno ci ha veramente capito molto ed io fra quelli ma se tu hai rinunciato ai ‘tuoi’ cookies e cioè a quelli insediati nel tuo sito hai fatto una scelta ben precisa. Quando visiti per commentare o solo transitando, altri siti, stai accettando l’utilizzo dei ‘loro’ cookies che per antonomasia registrano di te il tuo passaggio per motivi evidenti e non. Credo quindi, pur disorientato in questo ginepraio, che non entri in conflitto con la tua decisione di base muovendoti in altri blog anche perché la richiesta di utilizzo oramai la trovi quasi dappertutto.

    Mi riservo di rispondere alla tua interessante specificazione per quanto riguarda il post.

    Uomo

  4. lauraluna ha detto:

    Credo di aver capito, da imbranata quale sono!
    GRAZIE!
    Lauraluna

  5. ombreflessuose ha detto:

    Cara Laura, mi spiace non averti più mia gradita Ospite ma non per questo non verrò più a leggerti e commentarti
    Ogni essere,dotato di intelletto è responsabile della propria vita, soprattutto nei confronti del prossimo
    Un abbraccione
    Mistral

  6. lauraluna ha detto:

    Intanto ti ringrazio per il commento, e per il resto, spero di poter risolvere la situazione.
    grazie di tutto,
    Contraccambio l’abbraccio! 🙂

  7. Uomo ha detto:

    …consideravo la tua affermazione, che condivido e che fa certamente riflettere, sul confine contrassegnato dalla parola fra la comunicazione umana ed animale, aggiungendo che probabilmente la comunicazione stessa continua ad esserci ma in altra forma, in altre concause ed in differenti effetti proprio per la diversa natura degli interlocutori così come nella complessa natura delle relazioni fra umani, il linguaggio anche se simile non è sempre comprensibile a causa del nostro vissuto e della nostra storia, non sempre fatta di pavimenti lastricati in oro!
    Sul nocciolo della questione in merito al luogo non fisico sin dove riusciamo ad arrivare con ciò che in definitiva siamo, si dischiude una dimensione fatta di sensibilità e accortezze, per come io penso sia.
    Il grado di insinuazione nell’altrui è notevole, soprattutto fra le persone che ci vogliono bene ad a cui ne vogliamo, (che poi, e qui sta lo strano, sono proprio quelle a cui facciamo più male in certi casi) e non sempre ci accorgiamo di quanto incidiamo su chi ci circonda e non sempre è un fatto da considerarsi positivamente. Altra natura e intenzione sta in chi è alla continua ricerca del governo della personalità dell’altro o di alcuni suoi aspetti ma in modo sotteso ed occulto approfondendo ed utilizzando tecniche di persuasione che spesso somigliano più alla coercizione. Aspetto questo il più negativo possibile della questione trattata.
    Concludo ( e ci sta…!) ribadendo del peso che noi e le nostre parole, atteggiamenti, reazioni hanno sugli altri considerando che spesso l’ostentazione di certa forza è sinonimo di forte debolezza, ma l’incertezza che spinge alla ricerca e quindi alla scoperta, anche degli altri esseri umani, non è poi ciò che muove il mondo?

    Giuro è l’ultimo intervento! 🙂

    Uomo

  8. lauraluna ha detto:

    Per me puoi pure continuare, trovo sempre interessanti i tuoi commenti, fanno riflettere e questo è importante.
    Grazie,
    ciao, 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...